domenica 4 dicembre 2016

Santa Messa dell'11 Dicembre 2016

Domenica 11 Dicembre 2016 alle ore 10.00 presso la Chiesa di Santa Maria della Consolazione (largo Cairoli, Milano) sarà celebrata in forma cantata la Messa della
V Domenica di Avvento.

domenica 27 novembre 2016

Santa Messa del 4 Dicembre 2016

Domenica 4 Dicembre 2016 alle ore 10.00 presso la Chiesa di Santa Maria della Consolazione (largo Cairoli, Milano) sarà celebrata in forma cantata la Messa della
IV Domenica di Avvento.

domenica 20 novembre 2016

Santa Messa del 27 Novembre 2016

Domenica 27 Novembre 2016 alle ore 10.00 presso la Chiesa di Santa Maria della Consolazione (largo Cairoli, Milano) sarà celebrata in forma cantata la Messa della
III Domenica di Avvento.

martedì 15 novembre 2016

Santa Messa del 20 Novembre 2016

Domenica 20 Novembre 2016 alle ore 10.00 presso la Chiesa di Santa Maria della Consolazione (largo Cairoli, Milano) sarà celebrata in forma cantata la Messa della
II Domenica di Avvento.

domenica 13 novembre 2016

La festa di San Martino

La festa di San Martino che è occorsa l'11 di questo mese costituisce nel Calendario Ambrosiano uno "spartiacque" fra il vecchio ed il nuovo anno liturgico.

Secondo l'antica tradizione, recentemente restaurata anche nella forma ordinaria, questa festa costituisce la data di riferimento per il computo dell'Avvento ambrosiano - che ha difatti inizio con la prima domenica dopo San Martino. È per questo motivo che molti messali ambrosiani pre-tridentini si aprivano proprio con tale ricorrenza. Questa data, oltre la quale si aprono le porte del nuovo anno liturgico, è propizia per una breve riflessione su un testo della scorsa domenica - terza dopo la dedicazione e ultima dell'anno liturgico ambrosiano - che contiene però una sorta di premonizione della grande stagione che sta per iniziare.

Il salmello del giorno infatti, tratto dal Cantico di Abacuc, così recita:

"Domine audivi auditionem tuam et timui: *consideravi opera tua et expavi.
In medio duorum animalium:* consideravi opera tua et expavi."

"O Signore, ho udito il tuo annunzio e ho avuto timore: ho considerato le tue opere e ne ho provato spavento.
Fra due esseri viventi/animali, ho considerato le tue opere e ho provato spavento."

L'antifona deriva da uno dei brani più noti alla critica biblica, riportato in questa versione nella traduzione latina così detta "Itala", che deriva a sua volta direttamente dalla versione greca dei "Settanta", accettando una vocalizzazione del testo ebraico considerata errata da San Girolamo e corretta nella Vulgata. Egli infatti mutò la traduzione in:

"Domine, audivi auditionem tuam, et timui.
Domine, opus tuum, in medio annorum etc."

Tutti i grandi Padri della Chiesa, da S.Agostino a Origene, accettarono tuttavia, e commentarono la versione più antica, resa autorevole dalla corrispondenza con quella greca, e si interrogarono lungamente sul significato della profezia contenutavi. La parola "animalia" venne peraltro intesa - sulla scorta dell'ambiguità del termine greco, che può valere "esseri viventi" o "animali" - di volta in volta come riferimento a Mosè ed Elia, oppure ai due ladroni sulla croce. Per questo motivo, le varie tradizioni esegetico-liturgiche antiche videro di volta in volta nel brano di Abacuc una profezia della Trasfigurazione o della Morte del Signore sulla Croce. Tuttavia, l'interpretazione più curiosa, e quella di gran lunga più feconda dal punto di vista artistico, vide nella parola "animalia" un preannunzio della presenza del bue e dell'asinello accanto alla mangiatoia in cui fu deposto il Signore. In tal modo, la profezia di Abacuc venne messa in correlazione con quella di Isaia 1, 3:

 "Cognovit bos possessorem suum et asinus praesepe domini sui, Israel non cognovit, populus meus non intellexit"

"Il bue conosce il suo proprietario e l’asino la mangiatoia del suo padrone, mentre Israele non conosce, il mio popolo non comprende"

Si trova peraltro proprio a Milano, sul celebre Sarcofago di Stilicone della Basilica di Sant'Ambrogio, una delle primissime raffigurazioni della Natività, in cui accanto a Gesù Bambino appaiono non i pastori e neppure Maria e Giuseppe, ma proprio questi due animali. Di essi i Vangeli canonici non parlano mai, ma, proprio a causa delle due profezie veterotestamentarie appena ricordate, sono divenuti per ogni cristiano un elemento irrinunciabile di ogni presepio.

martedì 8 novembre 2016

Santa Messa del 13 Novembre 2016

Domenica 13 Novembre 2016 alle ore 10.00 presso la Chiesa di Santa Maria della Consolazione (largo Cairoli, Milano) sarà celebrata in forma cantata la Messa della
I Domenica di Avvento.

mercoledì 2 novembre 2016

Santa Messa del 6 Novembre 2016

Domenica 6 Novembre 2016 alle ore 10.00 presso la Chiesa di Santa Maria della Consolazione (largo Cairoli, Milano) sarà celebrata in forma cantata la Messa della
I Domenica dopo la Dedicazione della Cattedrale.